LA STREGONERIA IN ABRUZZO: I DIAVOLI DI PENNE

 

burning-01

Spulciando negli archivi storici diocesani come quelli di Stato di Chieti L’Aquila e Napoli, due ricercatori hanno ricostruito fatti, trascritto testimonianze, recuperato atti processuali: dando nome e cognome alle streghe e ai maghi dell’epoca, nonché ai loro persecutori. “In Abruzzo- avvertono i due autori –non operano tribunali inquisitoriali. Furono pertanto i vescovi ad intervenire nei confronti delle stregonerie, delle angherie e dei sortilegi, spesso agendo in modo autonomo, ma a volte, nei casi più delicati, sotto la direzione della Congregazione romana del S. Uffizio”. Il primo rogo multiplo fu quello di Penne, nel 1584. Un lungo processo per stregoneria, sollecitato dalla dispotica Margherita d’Austria, figlia dell’imperatore Carlo V e moglie del duca di Parma Ottavio Farnese. E’ proprio in alcune lettere al vescovo scritte da Margherita, feudataria anche in questo lembo d’Abruzzo, che si fa accenno ai “diavoli di Penne”:

Cristina Malospirito, Caltelmo della Corvara, Annibale di Montegalloe“ altri complici forestieri incantatori” . Finiti tutti sul rogo, e“incenerati”. Non uno dei piccoli pesi dell’Abruzzo si salvò da allora in poi dal sospetto e dal lutto. Come in ogni parte dell’Europa cattolica e protestante, il delirio collettivo contagiò prelati e nobili, popolani e curati, giovani donne e vecchie. Sortilegi e patti con il diavolo si registrano, atti alla mano, a Villa San Giovanni come a Tagliacozzo, a Città Sant’Angelo come aTeramo, a Chieti come a Giulianova.

 

Testi tratti da:
“Le superstizioni degli Abruzzesi” di Emiliano Giancristofaro-Opuscolo informativo“Streghe: dramma, emozione, turbamento in un mondo che ci appartiene”di Franco Di Silveri

 

Precedente LA STREGONERIA IN ABRUZZO: LA STREGA ORSOLINA Successivo LA TAVOLA DEI BRIGANTI