QUANDO I FIOCCHI DI NEVE SI TRASFORMANO IN “GIOIELLI”

 

In Abruzzo i fiocchi di neve non arrivano solo dal cielo. A Roccaraso, in un laboratorio d’arte orafa, Franco Coccopalmeri realizza fiocchi di neve da collezione in edizione limitata. Si tratta di piccoli e graziosi gioielli dal significato profondo e che rappresentano la passione per la montagna. Ogni anno, all’apertura della stagione sciistica, Franco propone un nuovo fiocco dalla forma originale e che presenta al proprio interno uno o più cuori che simboleggiano l’amore per la neve.

Un “fiocco di neve” trasformato in “gioiello

 

Ma in questo laboratorio, di cose particolari se ne trovano parecchie: gioielli simbolo di comuni abruzzesi e molisani, gioielli creati per i personaggi famosi o per importanti eventi sportivi e culturali. Addirittura, tra le varie particolarità di Franco, vi è quella di realizzare le fedi nuziali insieme agli sposi. Insomma, l’orafo di Roccaraso unisce la raffinatezza della tradizione all’innovazione personale, dando vita a creazioni originali e ricercate.

Il gioiello “i Suspèire”

La “Pulsatilla” di Roccaraso, il “Cuore” di Pietransieri, la “Novella” del Presepe Vivente di Rivisondoli, “I Suspéir” di Rocca Pia creato in collaborazione con l’ecodesigner Gaudenzio Ciotti, lo “Sgarbizio” di Castel di Sangro, la “Goccia del Sangro” di Scontrone sono solo alcune delle opere che Franco ha dedicato al territorio.

Francesco Liberati (BCC-ROMA) consegna la “Croce Benedetta” a  papa Francesco

 

Ma la sua fama è arrivata anche fuori regione e addirittura all’estero con opere esposte in mostre e musei. Val davvero la pena fare un salto nel suo laboratorio e dare un’occhiata alle meraviglie che sono esposte, e magari portare con noi un “ricordo” della vacanza appena trascorsa da queste parti, perchè spesso… “i fiocchi di neve si trasformano in gioielli”.

 

Roberta Manfredini

 

Per informazioni sui “Fiocchi di neve” vai sul sito: Coccopalmeri l’Arte Orafa 

Precedente DOLCI D'ABRUZZO: LA CICERCHIATA Successivo SAN VALENTINO, UN VESCOVO CRISTIANO O IL FAUNO LUPERCO?