LA LEGGENDA DEL PASSO DEL DIAVOLO

passo-del-diavolo

Passo del Diavolo si trova nel Comune di Gioia dei Marsi in Abruzzo. A circa 1.000 metri d’altezza, nel mezzo del Parco Nazionale d’Abruzzo, c’è uno stretto passaggio che ha una storia non indifferente. Purtroppo è una storia di paese ma che comunque ha i suoi fondamenti. Molto tempo fa (c’è chi dice nel Medioevo, chi nel 1500 chi agli inizi del 1900) alcuni cacciatori erano per le alture all’altezza del Passo e da una zona più alta sono riusciti a scorgere una creatura molto strana a circa 100 metri di distanza (a quanto dicono). Era come il mitologico minotauro. Corpo da toro e busto umano, si dice di bellezza incredibile, non umana. Alla sua visione i cacciatori (forse 5) sono fuggiti e subito sono corsi a raccontare nel loro l’accaduto ai compaesani,convenendo tutti di recintare la zona per non far scappare la creatura. Dalla strada si riescono ancora a vedere le vecchie mura costruite come recinzione. Da lì il nome PASSO DEL DIAVOLO. Ma ciò che più ha destato la mia attenzione è stata la località all’altezza proprio del Passo. E’ costituita da un gruppo di case tutte con le finestre murate, ma che un tempo erano abitate. Sono state abbandonate in seguito a strani avvenimenti di cui non si hanno notizie. Di fronte a questo gruppo di abitazioni c’è una vecchia chiesa sconsacrata in seguito all’esodo del terrore. Non è abbandonata, infatti è ben curata e chiusa. Comunque ha le sue stranezze: Io vi sono stato tre volte e l’ho trovata aperta, ma non vi ho mai trovato nessuno dentro. Ci sono solo vecchie panche e una grande croce in fondo che appare dall’oscurità. Dalla porta sembra più un’ombra piuttosto che un oggetto. Non esistono maledizioni, ma chiunque io abbia sentito che è entrato in quella Chiesa ha avuto un senso di potenza e una libidine successiva irrefrenabile. Invito chiunque a visitare il posto.

Fonte: http://www.daltramontoallalba.it/luoghi/passodiavolo.htm

Precedente CULTI D'ABRUZZO: LE ACQUE MIRACOLOSE Successivo I GRANDI PERSONAGGI D'ABRUZZO: GIULIO MAZZARINO