Crea sito

IL BOSCO DI SANT’ANTONIO E I COLORI D’AUTUNNO

 

Il Bosco di Sant’Antonio è una riserva naturale regionale che ricade all’interno del parco nazionale della Majella nel territorio di Pescocostanzo. La riserva, una delle più belle faggete d’Abruzzo si estende per circa 17 ettari tra le dorsali del Monte Pizzalto e del Monte Rotella.

             Alberi monumentali

Il bosco un tempo dedicato a Giove, e in seguito al santo da cui ne prese il nome, è una di quelle aree di straordinaria bellezza per via delle numerose piante monumentali presenti al suo interno. Sono presenti nella riserva anche l’Acero campestre, il Pero selvatico, il Ciliegio il Carpine nero, il Tasso.

Creature intrappolate nella corteccia o semplici forme “bizzarre”?

 

All’interno del bosco vi è una piccola chiesetta rurale di origine medioevale dedicata a Sant’Antonio di Padova. Precedentemente,  sia il bosco che l’eremo su cui fu poi costruita la piccola chiesetta, erano dedicati però a Sant’Antonio Abate, una delle più grandi figure spirituali del Cristianesimo, nonché uno dei primi eremiti e “Padri del Deserto”.  Il santo è infatti il protettore degli animali e ciò sposa perfettamente la testimonianza del “Bosco difesa”, ovvero un luogo pubblico dove venivano custoditi gli animali della comunità di Pescocostanzo.

La piccola chiesetta dedicata a Sant’Antonio

Tra santi, divinità e eremi, il bosco di Sant’Antonio è sicuramente uno dei luoghi più suggestivi e da visitare. Le numerose piante, che assumono  forme surreali di creature fantastiche, rendono il luogo decisamente “magico”, tanto che a momenti sembra di trovarsi all’interno di un luogo incantato dove vivono fate e i folletti.

Strane forme…

Magia a parte,  la natura in questa zona è un tripudio di colori in ogni stagione, soprattutto in autunno quando il rosso è il giallo delle foglie esplodono nel paesaggio circostante. Noi abbiamo deciso di visitare il bosco in questi giorni e deliziarci di fronte alla bellezza dei colori d’autunno.

Seguiteci in questo nostro viaggio…

 

Rossella Tirimacco