DOLCI D’ABRUZZO: LA CICERCHIATA

 

La cicerchiata è un dolce tipico dell’Abruzzo, Marche, Molise ed Umbria, anche se solo per l’Abruzzo e Marche, il dolce è collegato alla ricorrenza del Carnevale. Per l'”Atlante dei prodotti tradizionali d’Abruzzo” (ARSSA – Regione Abruzzo, 2004), l’origine del prodotto sarebbe però da ricercarsi in Abruzzo, in particolare nell’area del Sangro “grazie allo sviluppo dell’apicoltura che, ieri come oggi, rendeva disponibile miele di ottima qualità”. Per altri, invece, facendo riferimento ad epoche più antiche, sarebbe originario dell’Umbria storica (ovvero, l’Umbria ad est del Tevere e le Marche) e la sua successiva diffusione dal Piceno (Marche centro-meridionali) in Abruzzo e in Molise avrebbe diffuso l’opinione, ormai generalizzata, che si tratti di un dolce abruzzese. Con tutta probabilità il nome di cicerchiata ha origine medievale e deriverebbe dalla cicerchia (Lathyrus sativus), un legume simile al pisello (Pisum sativum) o al cece (Cicer arietinum), molto diffuso all’epoca nella zona umbro – marchigiana, come in molte altre zone d’Europa e non solo. Secondo quanto detto, il significato di “cicerchiata” sarebbe quindi quello di “mucchio di cicerchie”.

Ingredienti

lPer ‘impasto per le cicerchie
Per 5 persone
gr . 240 Farina
gr . 20 burro
gr . 20 Zucchero
2 uova
1 cucchiaio di vino bianco secco

Per l’amalgama

200 gr di miele

Altri ingredienti

Olio d’oliva per la frittura
Decorazioni: noci mandorle, confettini di zucchero colorato.

La ricetta passo passo

Impastare bene farina, burro, zucchero e uova aggiungendo il vino bianco.
Una volta pronto l’impasto realizzate dei bastoncini lunghi da tagliare a gnocchetti.
Scaldate abbondante olio d’oliva e tuffatevi i pezzettini d’impasto fino a doratura.
Prelevate le cicerchie con un mestolo forato ed adagiateli su dei fogli di carta assorbente per rimuovere l’olio in eccesso.
In una padella capiente far caramellare il miele, quando sarà dorato versare le cicerchie e mescolare velocemente in modo da amalgamare bene il tutto.
Prima che il miele si raffreddi, riempite gli stampi con la cicerchiata o in alternativa trasferite il composto sul piatto da portata dandogli la forma di ciambella.
Decorate infine con dei confettini di zucchero colorati oppure noci, mandorle, frutta candita.

 

Ricetta di Mary Pantone https://www.cosatipreparopercena.com/2017/02/la-cicerchiata-abruzzese.html

Precedente IL CARNEVALE E IL PULCINELLA ABRUZZESE, STORIA DI UN'ANTICA TRADIZIONE PAGANA Successivo PERSONAGGI FAMOSI D'ABRUZZO: ROCCO SIFFREDI